cerca nel blog

Post più popolari

lunedì 18 luglio 2011

Le Leggi sbagliate sono da cambiare. Piero Marrazzo vuole la baby pensione: 2.000 euro netti al mese !


Solo per essere stato 5 anni anni consigliere regionale del Lazio gli toccano 2.000 euro al mese di pensione.
(23 settembre 2010) - In un articolo dai toni discutibili, il giornale di Maurizio Belpietro mette in evidenza la mole di so
ldi che l’ex governatore della regione Lazio è già in grado di percepire. Piero Marrazzo, avrebbe dato mandato ai suoi legali di intraprendere le procedure per richiedere la baby pensione da consigliere regionale che, stando alle norme in vigore alla Pisana, in effetti gli spetta di diritto. “Se un consigliere ha alle spalle una singola legislatura (5 anni di duro lavoro e una durissima campagna elettorale), e ha compiuto l’età giusta, riceve fra i 1600 e i 1800 euro al mese. Netti”, scrive Libero, sottolineando come tutto questo finisca per costare ai cittadini laziali “un milione di euro al giorno”.
Libero: “Marrazzo, 2mila euro di pensione a 52 anni”

RAZZE INDOEUROPEE – E Piero Marrazzo ha deciso di essere fra questi, con decorrenza immediata: “Mica sarò l’unico fesso che non batte cassa”, è l’interpretazione del suo pensiero: e d’altronde, continua Libero, non lo è stato. Una contraddizione, secondo l’ex organo del Movimento Monarchico Italiano, per un giornalista che ha passato la sua carriera professionale a difendere i cittadini dalle inefficienze della pubblica amministrazione, “era da parte dei tartassati, dei poveri cristi, era molto serio e combattivo”. Si candidò, chiese l’aspettativa e la ottenne; fu eletto, poi si dimise, rientrò in Rai: ma non ha rinunciato a chiedere il vitalizio milionario. “Cari lettori e soprattutto cari pensionati al minimo”, chiude Libero, “fatevene una ragione: a loro li manda la Rai, e li manda pure la politica”. A volte, li manda pure a trans, dice il giornalista. “Noialtri non siamo consiglieri, non siamo governatori, non siamo coinvolti in scandali. Siamo razza indoeuropea senza alcun segno particolare: e dobbiamo aspettare i 65 anni” – perché per ottenere il vitalizio dalla Regione Lazio, basta averne 50, in effetti.
Marrazzo non ruba nulla poiché usa una legge dello Stato italiano. Solo per essere stato 5 anni consigliere regionale del Lazio gli toccano 2.000 euro al mese di pensione subito, a 50 anni. Poi magari a questa pensione se ne sommeranno altre. Tutte le lamentele sono da rigirare ai politici, prima all’attuale governo che non fa leggi per evitare questi privilegi.

Nessun commento:

Lettori fissi