cerca nel blog

Post più popolari

lunedì 18 luglio 2011

Duilio Poggiolini – Piduista (tessera n° 961 della P2), ex dirigente d’azienda, ex ispettore della Sanità.

Vi ricordate di Duilio Poggiolini delle morti causate a causa del sangue infetto, delle tangenti miliardarie, dei tesori trovati nella sua villa, del Piduista, degli aumenti di prezzo sui farmaci per rubarci meglio ?  Nel 1994 faceva la coda all’INPS per ottenere 89milioni di pensione all’anno ed in più una liquidazione di 200 milioni.  Un' inezia in confronto ai lingotti d' oro nascosti nei puff del salone di casa, ma sufficienti per una serena vecchiaia.  
Duilio Poggiolini (Roma, 25 luglio 1929) , ex dirigente d'azienda italiano, è stato direttore generale del servizio farmaceutico nazionale del Ministero della Sanità di Francesco De Lorenzo e coinvolto nell'inchiesta Mani Pulite sullo scandalo di Tangentopoli. È stato membro della loggia massonica P2. A Poggiolini venne inizialmente contestato di aver istruito procedure per cui venivano autorizzati aumenti di prezzo dietro versamento di compensi "una tantum" a Poggiolini e ad altre personalità del ministero. In seguito fu accusato di aver favorito l'ingresso di alcuni farmaci nel prontuario sanitario dietro compensi e regalie, in beni o denaro. All'atto dell'arresto vennero sequestrati oltre 15 miliardi di lire su un conto svizzero intestato alla moglie, Pierr Di Maria Poggiolini: inoltre nella casa di Napoli della coppia vennero trovati diversi miliardi di lire in lingotti d'oro, gioielli, dipinti e monete antiche e moderne (fra cui rubli d'oro dello zar Nicola II e krugerrand sudafricani).  Il verdetto di condanna confermato dalla Corte di Cassazione, che dispose il sequestro di beni per 39 miliardi (29 per lui, 10 per lei). Duilio Poggiolini è stato indagato anche dalla Procura di Trento per il reato di epidemia colposa, in seguito ad una serie di infezioni da HIV e Epatite C avvenute nei primi anni novanta tramite la trasfusione di sacche di plasma che non erano state adeguatamente controllate, fornite dal Gruppo Marcucci di proprietà di Guelfo Marcucci. Il 27 dicembre 2007 il G.I.P. Maria Vittoria De Simone, in accoglimento dell'opposizione, ha ordinato alla Procura della Repubblica di Napoli di formulare l'imputazione di omicidio colposo plurimo a carico di Duilio Poggiolini ed altri 10 indagati. Di conseguenza, dopo più di 25 anni dai primi decessi per AIDS tra emofilici, il 2008 ha visto in Italia l'avvio di uno storico processo penale per centinaia di morti italiani.  
Pochi sanno che Poggiolini , tra le tante malefatte, fece approvare un farmaco chiamato il Cronassial, un ganglioside estratto dal cervello bovino. Nel 1983 l'Ufficio di sanità tedesco nega l'accesso al farmaco perché non risponde ad alcuni requisiti farmacologici e c'è il rischio che provochi effetti dannosi, tanto che, un anno dopo, un medico tedesco provò la sua estrema dannosità perché provocava una malattia neurologica molto grave. Forse ancora più del reato stesso fecero scalpore i risultati delle perquisizioni in casa Poggiolini, quando i carabinieri trovarono mazzette di banconote nascoste nelle imbottiture di divani e puff, o addirittura lingotti d'oro conservati nei pensili della cucina. Tornato in libertà era rimasto solo, la moglie( all'epoca complice) lo aveva lasciato, ha perso anche gli amici, la madre con cui viveva è morta. Lo ha scaricato anche monsignor Angelini, il suo omologo al Vaticano, di cui Donat Cattin diceva che era il vero ministro della Sanità. Dal 1994 riceve una pensione da nababbo pagata da noi Italiani. Ma quando verranno abrogate le leggi sbagliate, che permettono tali ingiustizie? Ma quando verranno davvero puniti i criminali che distruggono l'Italia?

1 commento:

LORIS ha detto...

PAZZESCO E SCHIFOSO MA COME E POSSIBILE ????

Lettori fissi