cerca nel blog

Post più popolari

sabato 3 settembre 2011

a viso scoperto contro la Casta. Il 21 settembre è l’unico appuntamento da non perdere: Tutti a Montecitorio/Roma con Gaetano Ferrieri. Riprendiamoci l'Italia.

Gaetano Ferrieri, a viso scoperto contro la Casta

A VISO SCOPERTO CONTRO LA CASTA ! ! !  
Si stanno diffondendo calunnie su Gaetano Ferrieri, in sciopero della fame dal 4 giugno 2011 con Presidio a Montecitorio/Roma, che sta combattendo la sua e la nostra battaglia contro tutti i vergognosi privilegi della Casta. La casta, altro non è che la classe dirigente marcia e corrotta che sta al potere per vivere di privilegi e di ingiustizie acquisite, che fa passare per diritti acquisiti tramite leggi folli e inique. Abbiamo parlamentari, che nella loro delirante onnipotenza, pensano di non dar nessun resoconto del loro operato al popolo sovrano. Parlamentari che pensano solo ad aumentare il loro stipendio e tutti i loro privilegi, dimenticando i reali problemi di chi è costretto a vivere con una misera ed ingiusta pensione di 500 euro mensili. Abbiamo parlamentari che ci hanno venduto alla BCE (Banca Centrale Europea) e che ne seguono le direttive che da essa arrivano, senza chiedersi se tutto ciò sia bene o male per il popolo Italiano. Abbiamo parlamentari che hanno ucciso le nostre speranze ed il futuro dei nostri figli aderendo al vergognosissimo “Trattato di Lisbona”. Un Trattato che ammazza la libertà dei popoli e ne annulla la sovranità. Ci troviamo così ad avere poche persone, 27 saggi (?),  che decidono le sorti di 500milioni di Europei.  E’ giunta l’ora, che dobbiamo ribellarci alle ingiustizie e alle leggi folli che arrivano sia dal nostro parlamento, che dal parlamento europeo.  In chi dobbiamo avere adesso fiducia, nelle persone che fino adesso ci hanno impoverito derubandoci di tutto, o in un uomo di nome Gaetano Ferrieri, che ci ha aperto gli occhi e ha smosso le coscienze dormienti degli Italiani?  In chi dobbiamo ancora credere, nelle persone che ci costringono tramite leggi folli ed inique a pagare tasse e solo tasse, o a chi dice basta a questi soprusi?  Io voglio credere e credo nell’onestà di Gaetano Ferrieri, che ci invita a partecipare il 21 settembre alla manifestazione di Montecitorio/Roma, armati solo di tricolore e con la costituzione nelle mani. Tutti coloro, che in queste ultime ore diffondono menzogne e calunnie sul conto di Gaetano, sono persone in malafede oppure gente malata di protagonismo. Ricordiamo a costoro che diffondere calunnie sul conto di una persona è REATO. Gaetano Ferrieri sta portando una lotta legale, pacifica e decorosa armato solo della bandiera italiana e attenendosi rigidamente alla nostra carta costituzionale. L’unico vero ed unico appuntamento da non perdere è e rimane quello del 21 settembre a Montecitorio. Dobbiamo essere tutti presenti per potere davvero scrivere una bella pagina della nostra Storia, e cambiare quello che non va. Devono essere gli Italiani a prendere coscienza che una lotta è necessaria quando il popolo è vessato e ribellarsi contro il tiranno. Tiranno è qualunque governo che può manovrare a proprio piacimento le leggi o anche raggirarle, o scrivere ed approvare leggi che favoriscono poche persone e danneggiano tutti gli altri. I privilegi nati da leggi sbagliate devono essere rifiutati da tutti, ad iniziare dal Presidente della Repubblica per finire all’ultimo consigliere comunale. Ogni individuo ha diritto a vivere una vita dignitosa e serena e, dal Presidio di Montecitorio/Roma, Gaetano Ferrieri  ci sta mandando questo messaggio. Gaetano Ferrieri sta combattendo a viso scoperto contro i privilegi della casta, senza partito, dal 4 giugno 2011 attraverso lo sciopero della fame. I politici che passano per la Piazza cambiano direzione per evitarlo, ma grazie a Dio anche   la stampa nazionale inizia a parlare della sua forza e dei suoi obiettivi. Ricordiamo inoltre che tutti coloro che anche su Facebook  diffondono calunnie su Gaetano Ferrieri commettono reato. La calunnia, anche in Internet è un reato, punibile fino a due anni di reclusione. Qualcuno dovrebbe ripassare l'articolo 595 c.p. Reati su internet: é punito con la reclusione fino a un anno o con la multa fino a 1.032,00 €. Se l'offesa consiste nell'attribuzione di un fatto determinato, la pena è la reclusione fino a due anni, ovvero della multa fino a 2.065,00 €.

1 commento:

lola ha detto...

Buenas noches!!
Gracias por tus palabras, te pido disculpa por la tardanza en contestarte
feliz lunes

Un abrazo

Lettori fissi